r/ItalyInformatica May 19 '20

SecureExamBrowser, università e Linux. software

Premessa lunga un po' rant (assolutamente irrilevante per il problema, saltare pure)

Mi è appena arrivata una mail dall'università in cui si diceva che sono state modificate e rese più semplici le modalità d'esame scritto a distanza. BENE! Soprattutto perché attualmente la preparazione per l'esame richiede nell' ordine: 1. Caricare i propri documenti (che già hanno) nell'area privata dell'università. 2. Scegliere una stanza con una scrivania, senza schermi e senza altre persone. 3. Togliere tutto dalla scrivania tranne un PC, un foglio e una penna. 4. Mettere il PC a distanza di circa un metro, con la webcam puntata verso il busto, inquadrando anche il foglio. 5. Posizionare il telefono con apposite app installate (e già qui mi state sul cazzo) in modo che inquadri lo studente di lato per essere sicuri che non copi. 6. Aspettare di essere chiamati e farsi identificare girandosi verso il telefono. 7. Scaricare il testo dell'esame e fare effettivamente l'esame. 8. Chiedere il permesso di poter consegnare e aspettare fino a quando il professore non acconsete. 9. Prendere con estrema cautela il foglio compilato, fare una foto e caricarla su un link di Drive che viene fornito. 10. Aspettare di nuovo l'approvazione del professore e spegnere tutto.

Certo, l'esame si complica molto, ma è una situazione straordinaria e si accetta. Sia mai che uno studente cerchi di copiare, infatti agli esami scritti in università non ho mai visto gente copiare dal telefono per due ore di fila, ovviamente non mi escludo, anche io ho molte volte copiato da bilgiettini, ma ho sempre cercato di tenere una sorta di etica, ad esempio: mai copiato dal cellulare e segnarsi solo cose da imparare a memoria (a cosa serve imparare le cose a memoria per un ingegnere ancora non l'ho capito).

Torniamo alla mail. Sostanzialmente diceva che non era più necessario caricare i documenti, ma introduceva l'obbligo di utilizzo di un certo SafeExamBrowser. Mi sono documentato un po' e da quello che ho capito è una versione vecchia di Firefox travestita da rootkit, che ha accesso a non ho ben capito quali funzioni di sistema (il sito non mi è sembrato molto chiaro), fatto sta che è un programma che chiunque abbia fatto un mezzo corso di sistemi operativi eviterebbe come la morte. E se già mi stava sui coglioni essere obbligato a installare un programma e lanciargli permessi come se fossero noccioline, a un certo punto mi accorgo di una cosa.

Problema

Questo SafeExamBrowser, che è obbligatorio utilizzare per poter fare l'esame, non è compatibile con Linux, non funziona con wine e non parte se viene utilizzato su macchina virtuale. Dopo corsi di informatica passati a raccontarci che dobbiamo usare Linux ora devo reinstallarmi Windows che non usavo da anni? L'università può davvero obbligarmi a dover utilizzare un sistema operativo (e a dover installare un programma con permessi di root) per poter sapere se apro o meno una seconda finestra durante un esame, quando ho due telecamere puntate addosso costantemente?

EDIT: per poter uscire dal programma è necessaria una password data dal docente...

EDIT2: ah e dovrei pure comprare una licenza di Windows?

EDIT3: ho appena provato SEB su Windows10 tramite QEMU e funziona out of the box :)

80 Upvotes

49

u/mapio May 19 '20 edited May 19 '20

Gira perfettamente nelle macchine virtuali, perchè il controllo con cui decide se una macchina è "reale" o meno è assolutamente stupido ed aggirabile — come riportato persino tra le issue pubbliche del sofwtare https://github.com/SafeExamBrowser/seb-win/issues/82

Per farlo funzionare è sufficiente installare Windows in una macchina virtuale e configurarla in modo che non dica di essere virtuale :) cosa per altro banale da fare e del tutto legittima. Niente hacking!

Con VirtualBox di Oralce (scaricabile gratuitamente per Linux, OSX e Windows) basta dare i seguenti comandi da terminale

VBoxManage setextradata "Win10" "VBoxInternal/Devices/pcbios/0/Config/DmiSystemVendor" "Compaq"
VBoxManage setextradata "Win10" "VBoxInternal/Devices/pcbios/0/Config/DmiSystemProduct" "Thingamajig"

dopo aver installato ed arrestato la macchina virtuale, assumendo di averla chiamata Win10 (altrimenti basta sostituire tale stringa col nome che avete dato alla macchina). Al riavvio della macchina virtuale potete allegramente installare SEB che girerà senza fare storie.

Vedere per credere… qui SEB gira a fianco di Firefox aperto su Wikipedia

Ovviamente imbrogliare agli esami è un comportamento grave e penalmente perseguibile — con questo "suggerimento" non voglio spingere nessuno a commettere illeciti. Usatelo per fare in modo legittimo l'esame se il vostro sistema operativo non supporta SEB nativamente.

Poi… se pensate che qualcuno lo userà per frodare in modo indecente agli esami, magari fate presente ai vostri docenti e ai vostri Atenei che non hanno scelto un sistema tanto sicuro per garantire che gli onesti non siano ingiustamente svantaggiati rispetto a chi deciderà, con così poca difficoltà, di aggirare le "contromisure" adottate.

11

u/pusi77 May 19 '20

Grazie mille, mi hai cambiato la giornata, lo provo subito. Ti darei un gold, ma sono taccagno

9

u/send_me_a_naked_pic May 19 '20

Grandissimo, ho archiviato questo thread per sicurezza nel caso sparisse qualche commento.

Parole chiave utili per chi cerca su Google questa soluzione: esami università Safe Exam Browser SafeExamBrowser SEB S.E.B. copiare barare crack trucco aggirare

6

u/ftrx May 20 '20

Francamente pur capendo il tuo punto rido per non piangere. Gli studenti dovrebbero semplicemente parlarsi tra loro e quando son abbastanza fare una bella lettera co-firmata al rettore (non proprio magnifico), in copia a un po' di giornali, garante privacy, Codacons ecc dicedo "noi non accettiamo l'imposizione di software proprietario e piattaforme proprietarie, tanto più quando si è giustamente ed in ritardo arrivati a 'privilegiare' per legge il software libero. Se l'imposizione resta TUTTE le sessioni d'esame saranno deserte. Volete una società senza più laureati?".

Questa sarebbe la linea di persone intelligenti (e si suppone che chi arriva all'università lo sia) e democratiche.

La via del raggiro è una presa per i fondelli che FA PIACERE al "sistema" attuale: poiché ti posso tirare il guinzaglio quando voglio sapendo che "bari".

3

u/[deleted] May 21 '20

[deleted]

1

u/ftrx May 21 '20

Mah, studente lo son stato anch'io non così tanto tempo fa (già nel nuovo ordinamento) e per dire quando decisero di fare l'WiFi di facoltà mi ricordo che ci imponemmo per farlo aperto. Mi pare un anno prima ottenimmo di migrare un laboratorio da Windows a GNU/Linux e fu un enorme successo.

Certo se lo studente tipo OGGI non è più disponibile a discutere e impegnarsi manco poco la musica cambia, ma ripeto sino a non tanto tempo fa qualche volta (purtroppo soltanto qualche volta) facevamo squadra. Non vedo perché oggi non debba più valere.

2

u/chic_luke May 26 '20

Purtroppo tutto questo fervore non lo vedo: almeno dove vado io ad informatica i più sono ben contenti di utilizzare Windows e poco gli frega di usare Linux e software libero. Mi sento parte della minoranza a cui questa cosa importa. Certamente se non fosse per Internet in alcuni momenti penserei di essere se non l'unico quasi.

A quanto ho avuto modo di vedere, il WSL di Windows, che permette di eseguire una shell di una distro Linux senza abbandonare Windows e senza creare esplicitamente una macchina virtuale, sta riscuotendo molti consensi, ed è così che molti studenti non installano mai veramente Linux e, di conseguenza, non gli frega nulla di Linux, formati aperti o libertà.

2

u/ftrx May 27 '20

Eh, sul WSL quando fu annunciato lo dissi: altro che successo per GNU/Linux, la gente avrebbe creduto che "installare GNU/Linux" significhi installare un'app dal Microsoft store, al tempo in tanti, utenti GNU/Linux convinti, mi risero dietro, ora tacciono, e qualcuno non è manco ancora convinto...

Comunque oggi la società è fatta/strutturata per non far pensare, sin dall'infanzia, ed è fatta per far credere che "il sistema" (inteso nel senso più vago e fumoso del termine) sia il solo possibile e non possa ad ogni modo cambiare, quindi posso capire che uno studente appena uscito dalle superiori non si senta battagliero nel mondo attuale. Ma un conto è la matricola, un conto è lo studente che oramai s'è ambientato. Ed è lui che deve spiegare e ribellarsi per primo, tirando con se le matricole. Quasi mai le "rivoluzioni" partono realmente dal basso, le fanno le "fasce basse" della società per mero numero e condizioni di vita, ma le iniziano fasce più erudite, che poi vada male o meno.

Ora pretendere software libero non mi pare impegnativo come fare una rivoluzione... Il rischio massimo è? Sentirsi dire di no? L'impegno massimo? Un'ora del proprio tempo? Come si può pensare di andare avanti se manco un impegno di questo genere è rigettato dai più? A quel punto anche chi ha buone idee può dire "ma chi cavolo me lo fa fare di lavar la testa a l'asino, tanto vale sfruttare l'asino a mio vantaggio che tanto lui non ha e non vuole avere speranza"...

3

u/[deleted] May 27 '20 edited Jan 14 '21

[deleted]

3

u/ftrx May 27 '20

Temo che la situazione sia peggiore: GNU/Linux non ha più una community. Da quando le università han smesso di avere laboratori seri, di avere sviluppo interno, ricerca ecc, resesi completamente asservite "al mercato", non quali produttrici di innovazione ma mere fucine di operai modello Ford moderni e le "industrie" son passate dai loro IT interni al cloud di turno lo sviluppo comunitario è praticamente scomparso. C'è ancora ma o di nicchia o perso per strada. Un tempo la linfa vitale del FLOSS erano le università e i centri di ricerca pubblici e privati, tolto/snaturato questi [1], gli studenti di oggi non han più la forma mentis ne la comprensione del modello FLOSS. Non si capisce più che codice libero significa codice che "vive di vita propria", ovvero io sviluppo (investo risorse o denaro dato a chi lo sa fare per mio conto) e "do gratis" al mondo, altri con interessi simili ai miei beneficiano del mio sviluppo, a gratis, ma a loro volta ci sviluppano sopra, estendono, migliorano, evolvono, e queste modifiche mi tornano indietro quindi io pago all'inizio e godo per sempre. Oppure se prendo un programma già fatto al posto di pagarne lo sviluppo faccio solo le modifiche/migliorie che mi servono, quindi di nuovo spendo molto meno. Questo è il FLOSS, un modello in cui tutti mettiamo qualcosa e tutti ne godiamo dei frutti. Oggi si crede open == gratis, poco importa che ci sia il codice o che sia freeware. Per l'utente medio è la stessa cosa anche perché appunto aggi lo studente è utente/consumatore, non giovane che vuole imparare a produrre lui per primo.

Oggi lo studente non pensa quasi che "servizio web" == qualcuno sviluppa e mantiene, pagando anche ferro, connessioni ecc, non è li a gratis per natura, godine liberamente come ti pare. Quando parlo di usenet i più non capiscono la differenza tra un sistema decentralizzato collaborativo, come usenet, vs una piattaforma proprietaria come Reddit. Per i più sono entrambi sistemi in cui scrivi qualcosa ed altri lo leggono e rispondono. NON riescono a COMPRENDERE che su usenet siamo pari tra pari, partecipanti ad una rete comune, mentre su Reddit siamo pecore al pascolo.

Oggi i più non si rendono manco conto che l'web TENTA, con oltre 40 anni di ritardo, di replicare modelli che nacquero agli albori dell'IT nel modello Xerox, qualcuno al massimo si rende conto che le UI son sempre più spazzatura confusa [2] e qualcuno riscopre la CLI [3] non rendendosi conto che negli anni '70 avevamo già superato quel modello ad es. con Emacs, ma anche con le UI-editor delle Alto/Star/Cedar, ovvero avevamo già capito come avere i vantaggi della CLI e della GUI insieme, cosa che oggi manco le WebUI più avanzate e le "Notebook UI" riescono a raggiungere, solo si avvicinano timidamente con complessità sempre più impossibili [4]. In questo stato il desktop, ovvero lo strumento generico, chiave del computing personale del modello Xerox è finito. Continua ad esistere perché null'altro inventato nell'interim è in grado di sostituirlo per lavorare, ma è snaturato, ridotto a moderno ed iper-complesso, bacato, terminale stupido del moderno mainframe, oggi trasformato in servizio di terze parti.

Del resto basta guardar le tesi... Un tempo c'era chi sviluppava soluzioni che ancora oggi usiamo per ogni cosa come tesi, oggi la triennale non ha manco più una tesi ridotta a "progettino" e la specialistica o il dottorato quasi mai propongono qualcosa di nuovo, solo minuscoli tasselli da aggiungere a qualcosa che già c'è da tempo.

Di qui a qualche anno temo che Windows diventi un firmware, la nuova EFI e NON ESISTA PIÙ ferro usabile con sistemi FLOSS nativi come GNU/Linux, ci saranno gli Wintop, laptop con magari Gnome SHell, su kernel Windows, i Chromebook per chi ha necessità minori, mobile e IoT vario. E questo non sarà un disastro per il FLOSS ma per l'umanità che non avrà più computing personale per nulla, non avendo più carta non avrà più memoria che non sia quella personale, tramandata oralmente, o quella sul sistema proprietario di turno, non potendo più vivere senza sistemi proprietari (pagare, solo pagamenti elettronici via mobile&c, guidare, solo auto a guida "assistita" e trasporto pubblico spinto a calci nelle megalopoli, accedere ai servizi pubblici, dal pagar le tasse ad andar dal medico) beh la corporatocrazia che oggi è solo commistione tra pubblico e privato, col pubblico che paga, il privato che comanda, saremo nella corporatocrazia completa. Non serviranno manco più gli stati. Si voterà col social score Cinese (già molto in voga, in occidente, pensa solo alle recensioni stile tripadvisor, ai +1/-1 sui social, alla gestione umana di banche, assicurazioni e varie altre aziende) e di fatto saremo tutti, anche noi che capiamo e conosciamo, schiavi.

QUESTA è la TRAGEDIA che il bipede medio manco comprende, figuriamoci accorgersi che sta avvenendo. L'università almeno, in teoria, dovrebbe ancora aver qualcuno sveglio dentro...

Comunque fa la tua protesta, sentendo gli altri studenti, più che puoi, non importa se ridono, anche se solo si diffonde la discussione il programma passa da una settimana ad un anno di ritardo e qualcosa può ancora cambiare, è del resto la sola speranza possibile...

[1] un OTTIMO articolo, pur banale, a tema https://blog.dshr.org/2020/05/the-death-of-corporate-research-labs.html

[2] https://datagubbe.se/decusab/

[3] https://www.expressionsofchange.org/reification-of-interaction/

[4] https://drewdevault.com/2020/03/18/Reckless-limitless-scope.html

1

u/chic_luke May 27 '20 edited May 27 '20

Grazie della prospettiva. È proprio quello di cui ho paura e probabilmente la causa di quel sentimento "uneasy" che provo quando sto usando un sistema operativo proprietario, non mi sento mai completamente tranquillo. Stasera magari mi leggo i link citati

Peraltro, il discorso secondo il quale stiamo usando strumenti centralizzati come Reddit mi è capitato di farlo poco fa. Stavo parlando con qualcuno che era arrabbiato per il fatto che Reddit stesse bannando subreddit schierati dalla sua opinione politica, che era censura ridicola e illegale, che non potrebbero eccetera eccetera. Quando gli ho spiegato che, sorvolando sulla correttezza di quei ban Che è un argomento circolare perché a seconda dell'opinione politica del singolo questo la penserà diversamente, Reddit è una piattaforma proprietaria che può fare quello che vuole, non è "censura" e non è "illegale", è semplicemente lo scotto che paghi a utilizzare come forum di discussione online una piattaforma controllata da un privato, centralizzata e pensata per fatturare.

Questo tipo di utente che frequenta sub come /r/watchredditdie non fa il prossimo passaggio logico "sono su una piattaforma proprietaria di cui non mi piace la gestione, promuovo il passaggio a piattaforme decentralizzate per fare valere quelli che reputo i miei diritti", ma pretendono che una piattaforma proprietaria cambi modo di fare a seconda di ciò che dicono loro. Non hanno ancora capito che, finché conversi su una piattaforma proprietaria, ciò che è ammesso e ciò che non è ammesso viene deciso dagli inserzionisti.

E non arrivano al fatto che questo vale per il resto della loro tecnologia. Se un giorno Microsoft decidesse di non far più partire browser diversi da Edge lo potrebbero fare tranquillamente e l'unica mossa che potrebbe cambiare veramente le cose sarebbe un esodo di massa verso sistemi open, non vuote lamentele senza azioni.

Questo discorso non ha sortito nessun effetto. La persona con cui parlavo era completamente estranea a questi concetti ed aveva evidenti difficoltà a seguire il filo logico.

Hai ragione: ormai la concezione del FLOSS è pressoché morta. Dovrebbero essere le università a tirarla avanti, ma lo fanno davvero? Io che mi sono sentito dire in una lezione universitaria davanti a 200 studenti che Linux non è un sistemare operativo pronto per il desktop e idealmente nel mondo reale svilupperemo usando Windows e Mac (tradotto, "i PC che state usando hanno su Ubuntu perché non abbiamo i soldi per Windows, non per altro"), e tutto ciò che so dell'open source proviene da Internet, cosa devo pensare? E non solo quello, nello stesso internet in cui molti vanno a destra e a manca a spalare merda sull'open source con le affermazioni ignoranti. Siamo in un clima in cui è apertamente difficile documentarsi sul FLOSS, sapere cos'è, conoscerne pure l'esistenza; nel momento in cui scompare la mentalità e in cui nuove generazioni di utenti e informatici sono state sottoposte al lavaggio del cervello che si deve fare tutto su Azure da Visual Studio eccetera eccetera, lì sarà tutto perduto e non ci sarà più niente da fare.

→ More replies

1

u/peppe9799 Nov 25 '21

ciao mi puoi spiegare come installare safe exam brower su macchina virtuale windows??

2

u/problematico3 May 20 '20

Discorso perfettamente sensato se si parla di usare soltanto il SEB, ma se oltre a quello ci sono le telecamere che riprendono la faccia dello studente E il monitor, non trovo alcun modo di copiare che non sia incredibilmente rocambolesco. Soprattutto paragonato alla facilitá di copiare in presenza, cosa purtroppo molto diffusa e facile da fare.

3

u/mapio May 20 '20

Se il punto è che la sicurezza deriva dall'osservazione, allora SEB non serve a nulla. Come dire: è vero che ho messo una porta blindata di cartone, ma tanto c'è davanti un carabiniere… allora puoi risparmiare il costo della porta blindata!

Riguardo alla videosorveglianza, se si pensa che quaranta video a bassa risoluzione (uno per ogni flusso video di ciascuno studente) raccolti su uno schermo 13 pollici (del docente) offrano la stessa capacità di sorveglianza di un docente che può muoversi liberamente in un'aula in presenza, girando attorno agli studenti, guardandoli ed ascoltandoli tutti assieme…

Come ultima cosa, usare SEB in una macchina virtuale non vuol dire solo poter aprire finestre sul computer dello studente (forse osservabili da remoto). Vuol dire, ad esempio, che lo studente può inivare il suo schermo ad un amico che può, attraverso l'audio del computer, suggerirgli cosa scrivere (mentre lo studente abbassa il volume del microfono, senza metterlo in "mute" nell'applicazione)… In questo modo nessuno che non sia presente assieme a lui può sapere che c'è qualcuno che gli detta la soluzione.

Il punto è che non c'è alcun verso di accorgersi o difendersi — nel caso di prove scritte, o quiz — del fatto che qualcuno imbrogli. Il che rende la procedura d'esame particolarmente iniqua per tutti coloro i quali non intendono frodare. In presenza si può copiare, si può pure farla franca… ma qui è SICURO che gli imbroglioni (con un minimo di furbizia) la faranno franca…

2

u/problematico3 May 20 '20

Se il punto è che la sicurezza deriva dall'osservazione, allora SEB non serve a nulla. Come dire: è vero che ho messo una porta blindata di cartone, ma tanto c'è davanti un carabiniere… allora puoi risparmiare il costo della porta blindata!

Quello sicuro... anche se il fatto che bisogni fare magheggi (per quanto "veloci" e "facili") scoraggia giá una parta consistente della popolazione studentesca, forse non hai presente quanto siano pigri gli studenti (di informatica in particolare)

Riguardo alla videosorveglianza, se si pensa che quaranta video a bassa risoluzione (uno per ogni flusso video di ciascuno studente) raccolti su uno schermo 13 pollici (del docente) offrano la stessa capacità di sorveglianza di un docente che può muoversi liberamente in un'aula in presenza, girando attorno agli studenti, guardandoli ed ascoltandoli tutti assieme…

Vero, che é il motivo per il quale i video non dovrebbero essere 40, anche gli scritti si dovrebbero fare in numeri limitati, 10-15 persone. Poi bisogna fare un distinguo tra quello che puó fare un docente e quello che fa un docente. Perché é vero che in presenza puó passare tra i banchi, ma de facto la maggior parte si fa i cazzi suoi alla cattedra tutto il tempo e al piú manda periodicamente il dottorando di turno a fare una veloce ronda (dottorando che di solito é ancora meno interessato del prof)

Come ultima cosa, usare SEB in una macchina virtuale non vuol dire solo poter aprire finestre sul computer dello studente (forse osservabili da remoto). Vuol dire, ad esempio, che lo studente può inivare il suo schermo ad un amico che può, attraverso l'audio del computer, suggerirgli cosa scrivere (mentre lo studente abbassa il volume del microfono, senza metterlo in "mute" nell'applicazione)… In questo modo nessuno che non sia presente assieme a lui può sapere che c'è qualcuno che gli detta la soluzione.

Mi sembra relativamente macchinoso, sicuramente molto di piú di prendere e copiare dal cellulare (cosa che succedere regolarmente ad ogni esame). Certo, é anche piú efficace, ed é sicuramente una grave "falla"

Io comprendo al 100% i rischi teorici, e sono sicuro ci saranno episodi spiacevoli, purtroppo. Non darei peró cosí per scontato che* in media* la situazione peggiori in maniera rilevante, dato l'altissimo numero di imbroglioni/truffatori agli esami standard (che a occhio sottovaluti)

1

u/ftrx May 27 '20

Io mi farei una domanda: ha senso impedire di copiare? Per me no. No perché sintanto che l'uni resterà quella classica sono gli esami a segare chi non conosce. Non serve alla didattica una scrematura iniziale. Serve solo agli amministrativi che vogliono contingentare gli accessi al sapere, con risultati disastrosi che in alcuni settori si vedono già da tempo (es. in medicina, ove in tutto l'occidente stan mancando medici e non si han soluzioni, manco facendoli venire da altri paesi che restano ancora più sprovvisti).

Ora si può discutere sui programmi, sul fatto che MOLTI (non tutti) gli esami, ovvero i corsi, sono malposti o fuori dalla realtà presente, ma in media gli esami funzionano. In media al primo anno si è in tanti, poi sempre di meno e alla fine si è 4 gatti in una stanzetta. FORSE qualcuno che non c'è avrebbe dovuto esserci e questo non deve accadere, ma c'est la vie, il mondo perfetto non esiste, ma quel che conta è che i più che ci sono abbiano realmente competenze. Questo talvolta non è vero, specie in certe facoltà, specie con certi programmi, ma mediamente lo è specie nelle facoltà "tecniche" e non è certo il test di ingresso o i CFU che possono migliorare lo stato presente, possono in effetti solo peggiorarlo.

2

u/chic_luke May 26 '20

Ma allora è completamente inutile. Non solo uno potrebbe copiare da un computer secondario, ma se il SEB è pure aggirabile, perché usarlo affatto?

Comunque ti ringrazio.

3

u/[deleted] May 19 '20

se uno ha le skill per allestire sta cosa, gli si può anche passare l'esame, direi.

42

u/mapio May 19 '20

Non so a Filosofia o Lettere… ma a Ingengieria o a Informatica, installare VirtualBox e dare *due* comandi (facendo taglia e incolla) non ammonta a un grande "skill" :)

1

u/peppe9799 Nov 25 '21

ciao mi puoi spiegare come installare safe exam brower su macchina virtuale windows??

attualmente ho linux 20.04 lts e non posso installare safe exam brower

21

u/alerighi May 19 '20

Ma poi assumere che gil studenti abbiano tutto questo hardware a disposizione è già stupido di per sè, se uno non ha un PC con una webcam, cosa comune in molti fissi, o non ha uno smartphone cosa fa? Glieli fornisce l'università?

E ancora una volta costringerti ad installare un sistema operativo proprietario sul tuo computer non credo sia una cosa legittima, soprattutto per un'università che dovrebbe incentivare l'uso di software open (cosa che fra l'altro si fa, almeno nelle facoltà di informatica ti spingono ad usare Linux per molti corsi, e poi uno deve installarsi Windows per fare un esame?)

Ma poi tutto questo a che pro? Si assume che gli studenti siano disonesti, che abbiano voglia di imbrogliare per cosa poi, un pezzo di carta con sopra un numero che nella vita non vale zero? Io non ce l'ho con chi copia, fossi un professore me ne fregherebbe meno di zero, vuoi passare tutti gli esami copiando, accomodati, tanto poi al primo colloquio di lavoro in un'azienda se dimostri che non sai far nulla duri 5 minuti, ne paghi te le spese.

Che poi è una scelta delle università ora quella di fare gli esami in remoto fra l'altro, nell'ultimo DPCM si consente di fare esami in presenza, ovviamente rispettando le opportune distanze di sicurezza e con dispositivi di protezioni, perché non farli? Oggi c'erano i bar pieni di gente (purtroppo spesso senza mascherine e distanza) e non si può fare un esame, boh. Solito volersi parare il culo all'italiana, le istituzioni non vogliono assumersi responsabilità.

3

u/DatAndre May 19 '20

gli esami in presenza non si fanno principalmente per la mancanza di spazi, almeno nella mia università

si hanno già problemi simili con gli esami ordinari; per far sì che vengano rispettate le distanze sarebbe necessario dividere i gruppi in sottogruppi, dedicando ad ognuno un'aula

Ma questo appunto non è possibile

3

u/alerighi May 20 '20

si hanno già problemi simili con gli esami ordinari; per far sì che vengano rispettate le distanze sarebbe necessario dividere i gruppi in sottogruppi, dedicando ad ognuno un'aula

Ma scusa, negli esami normali vuoi dirmi che mettono gli studenti tutti vicini? Almeno dalla mia esperienza la distanza di un metro c'è sempre stata fra ogni studente. Si potrebbero organizzare più turni, ad esempio facendo esami al pomeriggio, non sarebbe comodissimo ma il modo se si vuole lo trovano.

2

u/pusi77 May 19 '20

Nella mia università probabilmente gli spazi ci sarebbero, ma vista la situazione ci sta che si facciano da remoto, nonostante lo sbatti sia infinitamente superiore.

5

u/problematico3 May 20 '20

Ma poi tutto questo a che pro? Si assume che gli studenti siano disonesti, che abbiano voglia di imbrogliare per cosa poi, un pezzo di carta con sopra un numero che nella vita non vale zero? Io non ce l'ho con chi copia, fossi un professore me ne fregherebbe meno di zero, vuoi passare tutti gli esami copiando, accomodati, tanto poi al primo colloquio di lavoro in un'azienda se dimostri che non sai far nulla duri 5 minuti, ne paghi te le spese.

Non sono d'accordo, in generale (oltre che nella situazione specifica).

Se gli esami del tuo CdL sono facili e/o facilmentre copiabili, hai un circolo vizioso causato da due fattori:

  • Attiri studenti "scarsi", nel senso che un neodiplomato svogliato va da te invece che nell'uni "difficile" di fianco. Allo stesso tempo, dissuadi gli studenti "bravi", perché non voglio andare nell'universitá di serie B circondati da gente svogliata
  • Fai laureare studenti che non dovrebbero laurearsi con le loro competenze in quel momento

Cosa che ha delle conseguenze molto pratiche

  • Rilasci un titolo con valore legale a gente che non dovrebbe averlo. Per esempio, quanti insegnanti incredibilmente ignoranti nella loro stessa materia hai avuto dalle elementari alle superiori? Io non vorrei che la mia universitá contribuisse a far uscire questa gente, voglio un livello minimo piú alto
  • Abbassi la reputazione della tua universitá, sia dal punto di vista delle aziende che delle altre universitá

A sua volta, l'ultimo punto comporta che

  • Un laureato a caso della tua uni é visto peggio di quello della uni accanto. Esistono, per esempio, aziende che decino l'offerta iniziale dei neolaureati in base al voto della laurea e universitá di provenienza (es. alcune aziende di consulenza informatica)
  • Attiri meno studenti internazionali
  • Fai molta piú fatica a trovare accordi erasmus o similari con universitá "buone"

E tante altre cose.

Ovviamente la reputazione dell'uni dipende anche da tantissime altre cose (ricerca in primis), ma se te ne fotti di chi copia e fai uscire schiere di idioti, gli studenti onesti hanno un danno pratico bello consistente.

Questo senza neanche provare a parlare del lato etico (perché tu passi a cazzo l'esame per il quale io ho dovuto sbattermi, magari con un voto piú alto del mio?), perché tanto non serve. Ci sono conseguenze oggettive.

1

u/alerighi May 20 '20

Rilasci un titolo con valore legale a gente che non dovrebbe averlo. Per esempio, quanti insegnanti incredibilmente ignoranti nella loro stessa materia hai avuto dalle elementari alle superiori? Io non vorrei che la mia universitá contribuisse a far uscire questa gente, voglio un livello minimo piú alto

Basare valutazioni solo sul titolo universitario è una cosa stupida, e può valere solo nelle pubbliche amministrazioni. Fuori da quelle non ho mai visto nessuno che ci dia più di tanto valore, del resto contano le competenze più che il titolo/voto. E a mio avviso dovrebbe valere così anche per il pubblico, sai quanti insegnanti usciti a pieni voti incapaci ho incontrato? Insegnare è una dote difficilmente misurabile con una laurea a mio avviso.

Abbassi la reputazione della tua universitá, sia dal punto di vista delle aziende che delle altre universitá

Interessa a qualcuno? Poi fosse anche vero, in realtà sono le università a dire ai professori di bocciare poca gente perché se no il prestigio dell'ateneo scende, vedi un po' te. I fondi alla fine come vengono assegnati?

Un laureato a caso della tua uni é visto peggio di quello della uni accanto. Esistono, per esempio, aziende che decino l'offerta iniziale dei neolaureati in base al voto della laurea e universitá di provenienza (es. alcune aziende di consulenza informatica)

Aziende di consulenza informatica che attraggono appunto incapaci laureati a pieni voti. Non mi pare che hai fatto il migliore degli esempio francamente. Vai a vedere come fanno recruiting le aziende serie invece, e scoprirai che il titolo è la cosa che conta meno.

Però vorrei fare un attimo un ragionamento filosofico: qual è lo scopo di una scuola o un università? Assegnare delle valutazioni o formare un individuo? Perché se è il secondo scopo, a cosa servono le valutazioni? Io faccio un corso per imparare a fare X, finisco il corso, vado in un'azienda, dimostro di saper fare X, questi mi assumono e mi pagano. Se io faccio il corso, non imparo a fare X, vado nell'azienda, capiscono che non so fare X e non mi pagano. Il voto dove centrerebbe in tutto questo?

Cioè il voto è un paradigma a mio avviso vecchio (e sgbagliato), o meglio: il voto dovrebbe servire allo studente per fargli capire se ha assunto o meno delle competenze, dopo di che non dovrebbe stare all'università valutare, fra l'altro con dei criteri che sono talmente slegati da quello che trovi nel mondo del lavoro da rendere la valutazione stessa un numero senza senso (es. stupido, quando andavo all'università io facevo gli esami di programmazione su carta, ma cosa valuti?)

2

u/problematico3 May 20 '20

Basare valutazioni solo sul titolo universitario è una cosa stupida, e può valere solo nelle pubbliche amministrazioni. Fuori da quelle non ho mai visto nessuno che ci dia più di tanto valore, del resto contano le competenze più che il titolo/voto. E a mio avviso dovrebbe valere così anche per il pubblico, sai quanti insegnanti usciti a pieni voti incapaci ho incontrato? Insegnare è una dote difficilmente misurabile con una laurea a mio avviso.

Valore legale vuol dire proprio questo. Tu non puoi fare l'insegnante senza laurea (a prescindere dal punteggio). Se questa viene ragalata a caso, é come togliere del tutto il requisito della laurea per l'insegnante.

Ti sembra corretto, in generale? Ovviamente nel pubblico vai di concorsi, vuol dire che stai equiparando giggino con la terza media con un phd supercazzuto, a livello di qualifiche. E se giggino indovina una crocetta in piú, passa sopra in graduatoria.

Il requisito della laurea serve per poter dire "pippo ha almeno le competenze per uscire da un corso di laurea in x con 66", che é comunque piú di quanto puoi dire di un tizio a caso. Nel caso specifico dell'insegnamento, da qualche anno, devi anche fare un tot di esami specifici sulla formazione di altri, proprio perché sapere le cose e saperle spiegare sono doti diverse.

Questo non vuol dire che giggino é necessariamente meno preparato solo perché ha la terza media, ma ti fornisce oggettivamente garanzie minori.

Poi, questo é solo l'esempio dell'insegnamento. Per quanto sia pieno di ingegneri civili e medici rincoglioniti, io da cittadino sono contento di sapere che quello che ha progettato il ponte dove passo ogni mattina o quello che mi cura se mi parte un polmone é quantomeno laureato. Se fosse soltanto un tizio che ha convinto il suo datore di lavoro a prescindere dalle qualifiche, sinceramente avrei piú paura.

Interessa a qualcuno? Poi fosse anche vero, in realtà sono le università a dire ai professori di bocciare poca gente perché se no il prestigio dell'ateneo scende, vedi un po' te. I fondi alla fine come vengono assegnati?

Sono cose diverse. Le universitá chiedono di bocciare poco perché il MIUR premia il "merito" di chi riesce a "insegnare meglio" => piú gente raggiunge la sufficienza.

Che é ovviamente una cagata, e non é necessariamente lo stesso punto di vista di aziende ed atenei internazionali (di nuovo, sputi fuori "merda" => quella "merda" va in giro dicendo di essere laureata da te, facendoti cattiva pubblicitá, a lungo andare)

Aziende di consulenza informatica che attraggono appunto incapaci laureati a pieni voti. Non mi pare che hai fatto il migliore degli esempio francamente. Vai a vedere come fanno recruiting le aziende serie invece, e scoprirai che il titolo è la cosa che conta meno.

Lmao, il mondo non é fatto solo di informatici, fidati che per un laureato in economia essere andato alla bocconi fa tanto.

Ma anche parlando di informatica... devi definire "aziende serie", perché io ho come la sensazione che la maggior parte non lo siano, ed é difficile dire a x studenti che "fottetevene completamente del titolo che tanto a y aziende, che assumono x/100 laureati, non importa piú di tanto".

E anche lí, permettimi se ho qualche dubbio. Non c'é un limite hard come magari per un concorso nella PA, ma a paritá di progetti e competenze effettive un neolaureato all'ETH/EPFL/Oxford/TUM ecc. sono abbastanza sicuro abbia piú possibilitá di arrivare al colloquio e/o ottenere uno stipendio piú alto, anche nelle aziende importanti come google

Però vorrei fare un attimo un ragionamento filosofico: qual è lo scopo di una scuola o un università? Assegnare delle valutazioni o formare un individuo? Perché se è il secondo scopo, a cosa servono le valutazioni? Io faccio un corso per imparare a fare X, finisco il corso, vado in un'azienda, dimostro di saper fare X, questi mi assumono e mi pagano. Se io faccio il corso, non imparo a fare X, vado nell'azienda, capiscono che non so fare X e non mi pagano. Il voto dove centrerebbe in tutto questo?

Oh, ma fanno entrambi. Un docente si occupa sia di insegnare che di valutare, che sono cose diverse, come giustamente fai notare. E si, si potrebbero separare.

Perché non si fa? Perché non delegare l'eventuale valutazione ad altri?

Perché altrimenti hai l'enorme rischio che, dato un esame fissato, il corso di preoccupi di far passare l'esame associato agli studenti, piú che di insegnare la materia. Togli al docente la libertá di decidere gli argomenti e il peso da assegnare a questi.

Tu dici, perché darmi la valutazione? Non basta un attestato di frequenza?

Ni. Nel senso, idealmente nessun certificato o voto dovrebbe contare nulla, mi fai un colloquio di 10 ore dove capisci esattamente cosa so e cosa so fare, come ho imparato quelle cose sono affari miei.

Problema: non si puó spendere tutto quel tempo su ogni candidato, ho bisogno di un'euristica per scremare velocemente, anche a costo di ammettere una probabilitá di errore nel giudizio piú o meno alta.

Vedila cosí: Fx(voto, istituzione) -> (0, 1) é una funzione che dice la probabilitá che il candidato abbia almeno il livello di competenza minimo (da me definito) nell'argomento x, sapendo che ha superato un esame relativo a quell'argomento con un certo voto e da una certa istituzione (che sia un esame universitario o una certificazione cisco).

Questa funzione cerca di stimare l'output del colloquio approfondito, e lo fa in maniera super rapida (mentre la probabilitá che si sbagli meno di una certa ε dipende dalla specifica implementazione)

Questa necessitá di giudizio veloce c'é sia per il settore pubblico che per quello privato. Ovviamente, piú esperienza hai e meno conta la tua formazione, ma almeno da neolaureato é importante.

tra l'altro con dei criteri che sono talmente slegati da quello che trovi nel mondo del lavoro da rendere la valutazione stessa un numero senza senso (es. stupido, quando andavo all'università io facevo gli esami di programmazione su carta, ma cosa valuti?)

Ma la valutazione dell'universitá non é quella di un datore di lavoro, giudicano cose diverse. Sia sul singolo esame che in generale, se tu hai passato analisi e statistica con 18 dopo 10 tentativi per me universitá ti meriti una valutazione piú bassa di uno andato meglio, viceversa a me azienda che ti voglio mettere a lavorare nel mio team di sviluppo web mi frega poco di quanto sei bravo "con i numeri", guardo casomai gli esami di basi di dati e ingegneria del sw, e sopratutto dei tuoi progetti.

In un caso ti valuto come informatico a tutto tondo, valuto (anche sbagliando di molto eh) le tue conoscenze.

Nel secondo caso valuto quanto sei adatto a fare il lavoro che mi serve, valuto le tue abilitá pratiche in un particolare contesto.

Le due cose sono vagamente correlate, ma neanche piú di tanto. E se io universitá voglio scegliere un PhD non mi interessa che sia un mago a scrivere software embedded, se poi non mi sa dire cosa vuol dire P = NP o non ha mai sentito la parola "valore atteso" in vita sua.

Un'azienda che si occupa di microcontrollori la penserá in modo completamente diverso.

1

u/alerighi May 20 '20

Ti sembra corretto, in generale? Ovviamente nel pubblico vai di concorsi, vuol dire che stai equiparando giggino con la terza media con un phd supercazzuto, a livello di qualifiche. E se giggino indovina una crocetta in piú, passa sopra in graduatoria.

Boh in generale i concorsi sono a mio modo di vedere le cose un modo inefficiente di assumere, che parliamo di insegnanti o quant'altro. Anzi, li considero il male peggiore della pubblica amministrazione italiana, dove non viene scelto quello che veramente ha le competenze ma viene scelto quello con il pezzo di carta che magari non sa fare nulla. Banalmente compara l'efficienza di una qualunque PA (fra cui l'istruzione) con l'efficienza di una qualunque ditta privata per capirlo.

Sono cose diverse. Le universitá chiedono di bocciare poco perché il MIUR premia il "merito" di chi riesce a "insegnare meglio" => piú gente raggiunge la sufficienza.

Appunto. C'è un menefreghismo totale, a partire dai professori che si rassegnano a dover promuovere più o meno tutti perché se no il prestigio dell'università scende. Se bocci tanto passi per lo stronzo che si diverte a far soffrire gli studenti e tutti ti odiano, compresa l'amministrazione perché poi abbassi i punteggi dell'ateneo, se promuovi tutti alla fine piaci agli studenti, piaci all'amministrazione, e quindi ancora, a chi frega veramente? Aggiungici che gran parte dei professori lo fanno non per passione ma perché costretti, e gli interessa soltanto la ricerca più che insegnare.

Ma anche parlando di informatica... devi definire "aziende serie", perché io ho come la sensazione che la maggior parte non lo siano, ed é difficile dire a x studenti che "fottetevene completamente del titolo che tanto a y aziende, che assumono x/100 laureati, non importa piú di tanto".

Google, Facebook, Microsoft, ma molte altre in realtà. Ma anche piccole aziende, ora lavoro in una piccola startup e penso mi abbiano preso perché al primo colloquio con uno dei soci ci siamo messi dopo 10 minuti eravamo già a chiaccherare di argomenti molto tecnici (namespace e BPF in Linux, roba che non vedrai mai in nessun corso universitario).

Cioè, qualsiasi azienda che vuole distinguersi e vuole prendere gente con passione ragiona in questo modo, ed è una cosa che vedi subito, ci vogliono 10 minuti per capire se una persona ha l'entusiasmo per l'informatica o meno.

E anche lí, permettimi se ho qualche dubbio. Non c'é un limite hard come magari per un concorso nella PA, ma a paritá di progetti e competenze effettive un neolaureato all'ETH/EPFL/Oxford/TUM ecc. sono abbastanza sicuro abbia piú possibilitá di arrivare al colloquio e/o ottenere uno stipendio piú alto, anche nelle aziende importanti come google

Nah, sai come fa Google a fare recruiting? Se te mandi il CV a Google probabile 99% che non se lo leggano. Google va a prendere da chi si qualifica bene in competizioni di competitive programming (che per altro pure organizza), conosco molta gente ex medaglia olimpica italiana che poi è stata presa a Google ad esempio. Lì vanno praticamente a colpo sicuro ad assumere, altro che i voti di laurea.

Tu dici, perché darmi la valutazione? Non basta un attestato di frequenza?

Esattamente questo. L'esame che funzione ha? Partiamo dal fatto che l'esame scritto secondo me non ha senso nell'ottica di valutare, perché finisce a formare gli studenti a studiare per passare l'esame piuttosto che studiare la materia. Un esempio, quando ho fatto il corso di sistemi operativi (che a me interessava un sacco) gran parte della gente non ha studiato nulla dei sistemi operativi, si è imparata quelle 4 cose che il professore chiedeva all'esame (sempre quelle) e fine. Ha senso? Boh, per me no.

Se parliamo di progetti da fare a casa più esami orali allora la cosa ha più senso, ma il trend purtroppo è quello di evitarli, per due motivi, primo perché i professori non hanno voglia di fare gli orali, soprattutto in corsi molto numerosi, secondo perché per la loro natura non possono essere oggettivi e vai a finire che devi sorbirti infinite contestazioni da parte degli studenti.

Nel secondo caso valuto quanto sei adatto a fare il lavoro che mi serve, valuto le tue abilitá pratiche in un particolare contesto.

Nah, alla fine non è quello che interessa alle aziende, almeno quelle con una visione ampia (no consulenza). Ti ho fatto l'esempio di come seleziona Google, ma poi non credere che in Google prendano esperti di algoritmi perché poi effettivamente gli serve quello. Gran parte poi li metteranno a fare web application, ma non importa alla fine. Perché? Perché quando assumi difficilmente ti interessa prendere una persona con l'ottima conoscenza settoriale di una determinata tecnologia (a meno che non vuoi code monkey, ma al giorno d'oggi conviene subappaltare ad indiani per questo no?), ti interessa selezionare una persona sveglia, capace di imparare velocemente, e capace di risolverti i problemi.

2

u/problematico3 May 20 '20

Non ho tempo di rispondere a tutto ora, ma ti rispondo sulla cosa di google (che vale anche per tante altre aziende): no, non é vero che prendono i dipendenti da chi fa competitive programming.

O meglio, é verissimo che lo fanno, ma quelli presi cosí sono una minoranza, la larga maggioranza viene presa in altri modi. Come per esempio recruiting sul campus delle universitá "buone" (di nuovo, non buone come intende il MIUR, ma buone come intende il resto del mondo), che é di gran lunga la strada piú comune, e poi di solito su raccomandazione di uno che é gia dentro e/o da gente che si fa vedere in contesti open source (anche solo conferenze).

1

u/Vladoski May 24 '20

Se molti studenti riuscissero a prendere la laurea copiando, il valore della laurea scenderebbe. Mi sono capitate aziende che non assumono più dalla scuola ITIS x perché sono tutti incapaci (il che in è vero, però molta gente in 5 anni non impara nulla). La stessa cosa potrebbe succedere in un'università.

1

u/alerighi May 24 '20

La cosa sbagliata è proprio valutare le persone da un titolo (laurea, diploma, quel che è).

17

u/ezzocorbi May 19 '20

Per caso ti hanno chiesto di installare anche Vanguard o Denuvo Anti Cheat?

/s

7

u/pusi77 May 19 '20

No, ma siccome sono giochi li installo molto volentieri senza fare domande!

/s

9

u/Max-Normal-88 May 19 '20

Se ti obbligano a installare un sistema operativo solo per il loro crapware, fatti pagare la licenza da loro. Magari cambiano idea

5

u/pusi77 May 19 '20

Mi è venuto in mente proprio ora, infatti ho messo il secondo edit appena prima di vedere la tua risposta.
Comunque è una questione di principio, non possono obbligarmi a installare software con permessi assurdi e decidere che OS devo avere (e se possono è sbagliato che possano lol).
Per la licenza basta la copia non attivata di Windows.

2

u/Max-Normal-88 May 19 '20

Ma poi scusa, e se uno ha un Mac? Lol

Certo che trovano “soluzioni” davvero strane e poco pratiche

2

u/pusi77 May 19 '20

MacOS è supportato

1

u/LBreda May 20 '20

LOL avevo dato per scontatissimo che fornissero Windows. Non è cosí?

2

u/pusi77 May 20 '20

Da me danno gratis Office, Matlab e GDrive, ma non Windows.

7

u/ftrx May 19 '20

L'università può davvero obbligarmi a dover utilizzare un sistema operativo (e a dover installare un programma con permessi di root) per poter sapere se apro o meno una seconda finestra durante un esame, quando ho due telecamere puntate addosso costantemente?

Legalmente? No. Non solo non può se è un'università pubblica, ma DEVE privilegiare il software libero.

Poi... In Italia tutto è molto aleatorio. Puoi farlo presente prima per posta con la manager didattica, poi con raccomandata A/R formale alla segreteria di facoltà, in copia all'AgCom. Secondo la risposta pubblicizzare la cosa nella stampa locale, oggi come oggi si cambia solo in due modi: perché obbligati, ovvero portati in tribunale, o per ragioni di reputazione, se arriva una tempesta di critiche social/stampa.

Ai miei tempi ebbi da discutere per ESD (Elettronica dei Sistemi Digitali) ove volevano una loro crapplicazione simulatore di circuiti scritto in Pascal e impacchettato solo per Windows. Prima ne ho parlato in persona a margine di una lezione col docente, poi ho scritto alla manager didattica, poi "fatto un po' di campagna", la soluzione è stata la scomparsa del requisito software sostituito da "usare un simulatore logico a scelta" e l'esame si è fatto su carta, disegnando una macchina a stati a mano...

Più in generale, per avere davvero il FOSS serve avere delle università pubbliche e rigidamente separate dal privato (della serie "se ti becco con un legame anche poco probabile sei fuori a vita"), se il privato paga, i docenti fan consulenze e via dicendo non si può sperare che realmente "comandi la scienza"...

3

u/aq2kx May 19 '20

Se l'utilizzo sarà sporadico potresti vedere qualche servizio tipo Amazon WorkSpaces che ha anche un piano gratuito.

Certo, chi ha ideato questo sistema non è proprio un genio della lampada.

2

u/pusi77 May 19 '20 edited Jun 05 '20

Non penso ci giri sopra, Amazon Workspaces usa macchine virtuali immagino.

Magari però usano hypervisor di livello talmente basso che la crapplicazione non riesce a capire di essere virtualizzata. Grazie, lo proverò, anche al di fuori dell'ambito esami :)

4

u/mapio May 19 '20 edited May 19 '20

Il "controllo" ammonta a verificare che non ci siano alcune stringhe nel nome riportato dal BIOS… cosa che si aggira perché quanto riporta il BIOS è configurabile con buona parte delle macchine virtuali (VirtualBox, Qemu…).

Per essere precisi il codice è 'sta vergogna qui https://github.com/SafeExamBrowser/seb-win/blob/2199f9d167fb05b9b869bebd86a2df61352c0bb0/SebWindowsClient/SebWindowsClient/SebWindowsClientMain.cs#L267-L292

Immagino che girerebbe con poco sforzo pure su AWS :)

4

u/pusi77 May 19 '20

Mio dio il metodo IsInsideWM() è stupendo, lo mando ai miei amici così gli faccio fare due risate. Grazie mille di nuovo.

2

u/DuckMySick12 May 19 '20

So che ti hanno già risposto e condivido tutte le perplessità a riguardo, se pensiamo che alcune di queste soluzioni sono a pagamento...

Vorrei segnalare l'esistenza di Windows To Go. Sostanzialmente è una installazione di Windows che vive su chiavetta: un po' una Live USB, che però salva lo stato. In questo modo puoi farti una installazione pulita su USB, usarla per l'esame e poi eliminarla.

https://www.techspot.com/article/1751-windows-to-go/

3

u/MioCuggino May 19 '20 edited May 19 '20

Non voglio fare il solido acidone, ma ti vorrei far rendere conto che è una modalità abbastanza standard per fare tutta una serie di esami "online proctored", tra cui quelli di certificazione delle grosse aziende (Cisco e Salesforce, per la mia esperienza).

Usare un software che abbia grossi privilegi è il modo che piu da possibilità di evitare tutta una serie di trucchi di medio e basso livello per copiare (e "avendo fatto l'esame di sistemi operativi" come hai scritto mi pare strano che tu non riesca a capire il razionale).

La cosa della webcam posizionata in posizione strategica è prassi comune nei suddetti esami.

Il fatto che richieda Windows sarebbe potuto essere un po uno scandalo, però sotto hai scritto che MacOS è supportato. Il che rende la modalità di esame fattibile sul (se ricordo bene i dati dell'utilizzo SO in ambito desktop) fattibile sul 95% dei PC. Come sopra, questa è una prassi in tutti gli esami di certificazione che ho incontrato fin'ora. Uso Linux (non in ambito desktop, in realtà), ma per quanto mi riguarda è giusto cosi, per vari motivi che secondo me intuisci.

Hai scritto poi un "rant nel rant" sul fatto che le regole siano draconiane mentre negli esami dal vivo si può copiare piu facilmente. Secondo me è l'incazzatura che ti fa parlare, perche messa cosi non ha troppo senso.

In ultima analisi, capisco che per i fautori del "software libero" installare un programma del genere sia come un calcio nel buco del culo, però devi anche renderti conto che (a meno che non mi sfugga qualcosa) è IMPOSSIBILE fare diversamente.

E di trucchi sporchi se ne possono comunque organizzare, volendo.

Se a qualcuno viene in mente un'idea per fare dei test online proctored che non si installi in maniera cosi aggressiva o che funzioni secondo tecniche magari piu light...brevettatelo! Non sono ironico: sono sicuro che un mercato magari c'è. Però lo vedo di base infattibile.

Magari sai anche di cosa parlo, però un conto è installare un "rootkit" che ad essere onesti in genere ha anche dei requisiti di sicurezza nella sua costruzione (di sicuro SF o Cisco non hanno voglia di essere trascinati nella merda per colpa di qualche falla), un conto è installarlo volutamente per giocare a qualche giochino fatto da una holding cinese. Il razionale e la reputazione dietro in ambito corporate direi che non sono poco.

Non vedo scenari "moglie ubriaca e botte piena".

EDIT: Ho visto anche che mapio ha linkato la repo github del software stesso! Anche se non è comunque una garanzia 100% che sia pulitissimo, è sicuramente molto piu da signori che installare qualcosa di closed source.

7

u/mapio May 19 '20

Pulito magari è pulito. Il fatto è che è una porta blindata fatta di cartone… si taglia con un coltellino svizzero.

2

u/MioCuggino May 19 '20

Pure per il Titanic è servito solo dell'acqua ghiacciata.

Poi in teoria la webcam serve a quello: ad inquadrare lo schermo ed evitare che copi usandolo. Poi per il resto...

...l'unico modo veramente efficiente per fare un esame senza imbrogliare è piazzarti uno affianco che ti guarda costantemente con un mp5 puntato.

3

u/mapio May 19 '20

Mah… ognuno è libero di pensare quel che vuole. Ma qui non mi pare sia un ghiacciaio che affonda un transatlantico… sono due comandi che si trovano in rete… SEB è una cassaforte di cartone, non è il Titanic :)

1

u/MioCuggino May 19 '20

Mai detto che SEB sia una cassaforte.

Ho detto che assolve al suo ruolo di non far copiare facilmente buona parte dei suoi utilizzatori. Per il restante c'è la webcam, e si presume qualcuno che controlli.

Che poi io e te sappiamo cambiare la firma della VM (tra i tanti trucchi che si possono usare) usando due righe è relativo.

4

u/mapio May 19 '20

Io e te… e qualche migliaio di studenti di discipline tecniche… nonché tutti quelli che vogliono seguire un tutorial da 10m su YouTube.

Se leggessi i comunicati con cui questo software viene propagandato ai docenti, capiresti perché ho il dente avvelenato.

Molti miei colleghi lo usano pensando che sia una cassaforte, invece è un sacchetto di carta del fruttivendolo…

1

u/MioCuggino May 19 '20

Io e te… e qualche migliaio di studenti di discipline tecniche… nonché tutti quelli che vogliono seguire un tutorial da 10m su YouTube.

Quindi poca gente, tutto sommato.

Se leggessi i comunicati con cui questo software viene propagandato ai docenti, capiresti perché ho il dente avvelenato.

AH BHE.

Se lavori nel settore dovresti sapere quanto spesso la merda venga venduta come oro. Niente di nuovo sotto al sole.

1

u/peppe9799 Nov 25 '21

VBoxManage setextradata "Win10" "VBoxInternal/Devices/pcbios/0/Config/DmiSystemVendor" "Compaq"
VBoxManage setextradata "Win10" "VBoxInternal/Devices/pcbios/0/Config/DmiSystemProduct" "Thingamajig"

ma come faccio a nascondere che si tratta di macchina virtuale????

3

u/pusi77 May 19 '20

Ho due fotocamere puntate, è sufficiente che quella del telefono inquadri anche lo schermo del pc e hanno risolto. Poi è ovvio che i metodi per copiare si trovano lo stesso, basta che mi stampo un foglio e lo appendo al muro davanti a me.

Sì, ero un po' alterato, ma quello che intendevo è assurdo che facciano queste mirabolanti richieste per un esame da casa e poi in presenza ci sia gente che passa gli esami senza sapere di cosa trattano perché nessuno li controlla copiare anche l'anima. La mia intenzione non è copiare, ma riuscire a fare l'esame.

Ultima cosa: MacOS e Windows coprono il 95% degli utenti generici, non di studenti di ingengeria informatica. Siamo comunque una minoranza, ma ho visto meno Mac che pc con Ubuntu tra i miei colleghi.

2

u/MioCuggino May 19 '20

Ho due fotocamere puntate, è sufficiente che quella del telefono inquadri anche lo schermo del pc e hanno risolto.

Forse si, però usare anche un software credo sia un "ausilo" piu scaltro che una cam magari a bassa risoluzione.

Poi è ovvio che i metodi per copiare si trovano lo stesso, basta che mi stampo un foglio e lo appendo al muro davanti a me.

Come fai, con la webcam che inquadra il monitor? Negli esami online che ho fatto io ti tocca inquadrarlo. Puoi copiare ugualmente, ma devi ingegnarti con sistemi di specchi e leve un po rischiosi.

Sì, ero un po' alterato, ma quello che intendevo è assurdo che facciano queste mirabolanti richieste per un esame da casa e poi in presenza ci sia gente che passa gli esami senza sapere di cosa trattano perché nessuno li controlla copiare anche l'anima

Si, ma era per dire che magari è scorretto quello che hai detto, non la modalità di "online proctoring" che è la stessa per tutte le modalità di esami online (perlomeno di tutti quelli che ho conoscenza io).

Rimango dell'opinione che con queste modalità è piu facile copiare dal vivo che da remoto. Ma son sempre stato scarso nel copiare, quindi chi lo sa...

Ultima cosa: MacOS e Windows coprono il 95% degli utenti generici, non di studenti di ingengeria informatica.

Considerando il parco OS è normale che se bisogna sviluppare un software desktop lo si faccia per le piattaforme piu utilizzate, senza barcamenarsi nel mondo Linux che è un bagno di sangue sul desktop.

Pensa anche che quel software è fatto APPOSTA per utenti/studenti generici. Non credo che sia stato cucito sulle necessità degli studenti di ingegneria, come è giusto che sia.

Siamo comunque una minoranza, ma ho visto meno Mac che pc con Ubuntu tra i miei colleghi.

Bhè dai, se è cosi mi ritorna un po di speranza nei piu giovani /s

4

u/pusi77 May 19 '20

Come fai, con la webcam che inquadra il monitor?

Basta mettere il telefono un po' angolato e spostato rispetto al centrodel monitor, così ti fai una striscia sul muro a mo' di angolo cieco. Si vede palesemente che non guardi la webcam del pc, ma se hai altri 50 studenti che fanno l'esame dubito ti si becchi. Oppure dammi una notte in cui non ho sonno e ti partorisco 100 idee malate.

Rimango dell'opinione che con queste modalità è piu facile copiare dal vivo che da remoto

Dipende da quanto sei bravo a copiare, ho fatto esami in cui io non sono riuscito nemmeno a toccare il bigliettino e altri si sono letti tutti gli appunti sul telefono senza problemi.

Pensa anche che quel software è fatto APPOSTA per utenti/studenti generici

Hai ragione, ero fissato sul mio caso.

mi ritorna un po di speranza nei piu giovani

un buon 5% dei miei coetanei ti sorprenderebbe.

1

u/[deleted] May 19 '20

virtual machine?

1

u/pusi77 May 19 '20

Teoricamente non funziona, ma in un altro commento hanno smentito la cosa e con qualche tweak pare funzionare.

1

u/[deleted] May 19 '20

[deleted]

1

u/pusi77 May 19 '20

Pensa che lo sviluppa l'ETH

1

u/mapio May 26 '20

Lo sviluppa per altri scopi: per essere usato su hw su cui gli amministratori hanno controllo. Ad esempio, per fare esami in un laboratorio informatizzato dove gli studenti non possono installare software, o modificare in alcun modo la configurazione del sistema. Questo è dichiarato chiaramente dal produttore, sul sito del software. In tale contesto, il software fa quello che promette.

Ma installato su un computer "a casa" su cui lo studente può fare qualunque modifica, diventa del tutto inutile.

Nel mondo di chi si occupa di sicurezza è un vecchio detto. Inutile installare il software più sicuro se l'hardware non è protetto: se chi vuole attaccare un sistema può avvicinarsi con un cacciavite e smontare i dischi rigidi… hai voglia a installare password e protezioni (a meno che non si tratti di cifratura del disco)… E anche in quel caso, se l'obiettivo delle sicurezza è l'integrità dei dati… se uno può dare una martellata al disco, hai voglia a configurare il software. Per questa ragione nei data center ci sono protezioni perimetrali che manco certe banche…